Leo Torri © 2021

IL NUOVO CAMPUS DELL’UNIVERSITÀ BOCCONI


L’ex area della Centrale del latte di Milano ha visto un notevole cambio di paesaggio negli ultimi tempi: è infatti sorto il nuovo Campus dell’Università Bocconi. 

Il progetto, firmato dalle due archistar giapponesi di SANAA, Kazuyo Sejima e Ryue Nishizawa, rispecchia molto bene quanto scritto da Domus in merito allo studio:

“L’unicità della sua architettura risiede nella padronanza del rapporto con l’ambiente circostante: chiusura o rivelazione, trasparenza o traslucenza, pieno contatto con il terreno o edifici come superfici libere che fluttuano sopra il sito”. 

Gli edifici sono stati costruiti in cemento e rivestiti con una rete metallica. Il risultato, anche grazie al progetto illuminotecnico, è che di giorno si possono osservare solamente i volumi esterni mentre, al calar del sole, si riescono a scorgere gli interni. 

Per altre mie immagini di architettura: qui

The new Bocconi Campus

In recent times, the former area of the Milanese Centrale del Latte, the place where milk was once produced, has seen a significant change in landscape: in fact, the new Bocconi Campus has been built.

The project, signed by the two famous Japanese architects of SANAA, Kazuyo Sejima and Ryue Nishizawa, reflects what Domus wrote about the studio:

“The uniqueness of its architecture lies in its mastery of the relationship with the surrounding environment – enclosure or disclosure, transparency or filtered translucence, full contact with the ground or buildings as free surfaces floating above the site.”

Buildings are made of concrete and are covered with a wire mesh. The result, also thanks to the lighting project, is that during the day you can only see the external volumes while, after sunset, you can also give a glance at the interiors.

For other images: here.